Le nostre vigne si dividono in 3 parcelle si dividono in 3 parcelle

logo nero

vigna bricco mondalino

300 m slm è un terreno estremamente calcareo/argilloso esposto a est, dove produciamo grappoli piccoli, più spargoli rispetto ad altri nostri vigneti, e maggiormente concentrati. Da questo vigneto produciamo il Grignolino da invecchiamento in bottiglia “Bricco Mondalino”, dal 1985.
logo nero

vigna dell' orto

308 m slm, esposta a sud ovest, di un terreno bianchissimo in cima al Bricco Mondalino. Terreno calcareo argilloso molto difficile e ripido, adatto a produzione di grandi rossi Piemontesi come Grignolino e Nebbiolo.​
logo nero

san pietro

290 m slm, esposta completamente a Sud divisa fra Grignolino, Barbera e Freisa. Vigneto con una piccola percentuale di sabbia, buona quantità di argilla e calcare concentrato nella parte più a est, dove abbiamo il grignolino. I vini diventano molto piacevoli e fruttati.​

logo nero

parlareto

La zona più estesa tra Camagna e Vignale Monferrato, in cui abbiamo principalmente Barbera, ma anche Grignolino. A 300 m slm è un altipiano che s’inclina leggermente verso Sud-Sud Ovest. Il terreno è molto bianco, con qualche “spot” più marroncino.
logo nero

monte a valle

Terreno suddiviso in due vigneti: - 5000 metri quadrati di grignolino a 300 m slm che rappresenta i ceppi più vecchi e fra le marne più difficili; da questo otteniamo il Crue “Monte della Sala”; - nella sua esposizione Sud tra i 300 e i 270 m slm abbiamo Cortese e Grignolino, sempre su terreno Calcareo argilloso, che verso ovest tende ad avere anche una piccola percentuale di sabbia;.

logo nero

robotti

A 308 m slm, è una zona divisa in 3 parcelle: una di Grignolino, una di Merlot e una di Syrah. È un Nord-Nord Est, che mantiene freschezza ed equilibrio nelle calde estati, da cui otteniamo ottime uve per il Metodo Classico di Grignolino “Margot”, un Merlot equilibrato per il “Gaudium Magnum” e il Syrah per il Rosé “Ciaret”. Il terreno è bianchissimo è molto calcareo.

logo nero

colma

Vigneto di Casorzo, sulla collina dai terreni più bianchi. Fra i 280 e i 250 m slm, è un terreno molto interessante per la combinazione di aree molto calcaree ed altre con argilla rossissima. Nell’altipiano otteniamo le migliori uve di Malvasia, mentre nell’esposizione sud ovest (verso Vignale Mto.), otteniamo uve Barbera molto interessanti.
logo nero

molignano

Vigneto a 240 m slm, a confine fra le province di Asti ed Alessandria. Il terreno è rosso e dona alla Malvasia un’aromaticità maggiore, ma meno struttura tannica e colore.

logo nero

Le Nostre Varietà Autoctone


Il Cortese fu menzionato per la prima volta in un inventario delle cantine del castello di Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, nel sud-est del Piemonte, nel 1614 (Nada Patrone 1991).

E ‘stato menzionato nuovamente a Montaldeo (anche ad Alessandria), dove sono stati piantati vigneti con “cortese”, un po’ di “fermentino” (cioè il Vermentino), e “nebioli dolci” (nebbiolo dolce, Nada Patrone 1991). 

Nel diciottesimo secolo, il Cortese si trovava principalmente nella provincia di Alessandria e nella provincia di Novara (Demaria e Leardi 1875). Nessuna parentela è stata trovata a Cortese nel nord Italia (Schneider et al., 2003).

Coltivato in provincia di Asti e Alessandria nel Piemonte sud-orientale, a nord-ovest dell’Italia, ma noto in particolare come protagonista del Gavi o del Cortese di Gavi DOCG. Appare come varietale in diverse DOC in Piemonte come i Colli Tortonesi e il Monferrato, ed è coltivato anche nell’Oltrepò Pavese in Lombardia e nel Garda in Veneto. 

Secondo il censimento agricolo italiano del 2000, gli impianti totali erano 3.135 ettari. 

Il Gavi è stato originariamente prodotto per la fornitura dei ristoranti di pesce di Genova e della costa ligure e i vini sono generalmente piuttosto neutrali ma salvati dalla loro rinfrescante acidità. 

Al loro meglio, possono essere delicatamente aromatici con ricordi minerali e agrumi.


Dal colore rosso rubino, distintamente pallido, leggero, locale (antica) specialità del Monferrato.

Un documento del 7 novembre 1249 riporta il fatto che la chiesa di Sant’Evasio (a Casale Monferrato in Piemonte) prestò un appezzamento di terreno ad un certo Guglielmo Crova a condizione che fosse piantato “bonis vitibus berbexinis” (con buone viti di berbexinis ; Nada Patrone 1988).

Sebbene alcuni autori abbiano identificato il berbexinis con la Barbera, la maggior parte degli ampelografi concorda sul fatto che Berbexinis fosse in realtà Grignolino, perché Berbesino è ancora usato come sinonimo di Grignolino nell’area del Monferrato. Questo documento è quindi molto probabilmente la prima menzione di Grignolino.

Anche se vi sono dubbi sul fatto che Grignolino e Berbexini siano la stessa cosa, lo si dimostra da credenziali medievali, menzionate ad Almese, in provincia di Torino nel 1337-8 in un documento dell’abbazia San Giusto di Susa, che rimanda a la produzione di “sextarios XII vini albi tam muscatelli quam grignolerii” (Comba e Dal Verme 1990).

Il nome Grignolino potrebbe derivare dal dialetto astigiano grignòle che significa vinaccioli, perché gli acini del Grignolino di solito hanno più semi (3-4 volte di più) di molte altre varietà. Esse scavano solitamente a metà settembre, in modo non uniforme, ed è suscettibile all’oidio e alla botrytis.

Coltivato in tutto il Piemonte nell’Italia nord-occidentale, il Grignolino è oggi coltivato principalmente nelle colline del Monferrato che si estendono nelle province di Asti e Alessandria e in misura molto più limitata nella provincia di Cuneo.

Le DOC più importanti sono il Grignolino del Monferrato casalese, il Grignolino d’Asti e il Piemonte Grignolino.
Fino al 10% di Freisa è consentito nei primi due e i migliori vini tendono ad essere trovati nel primo.
È anche autorizzato in piccole o medie quantità in altre DOC Piemonte come Barbera del Monferrato e Colli Tortonesi.

I vini varietali sono generalmente di colore rosso pallido con un profumo alpino / floreale alpino e acidità piccante.
Sono destinati al consumo precoce, ma possono invecchiare bene e diventare più morbidi con un po ‘di tempo in bottiglia, grazie ad una buona acidità e ai tannini derivanti dall’alta percentuale di semi.


Parente del Nebbiolo, leggera, fragrante, inusuale, realizzata in una vasta gamma di stili, tra cui spumante.

La Freisa è una delle varietà più antiche e importanti del Piemonte.
Con alcuni dubbi, la prima menzione di Freisa si pensa sia in un documento del 1517 che parla di un pedaggio a Pancalieri, a circa 30 km a sud-ovest di Torino; un prezzo doppio è stato pagato per il vino fresearum rispetto ad altri vini (Nada Patrone 1988).

La prima descrizione ampelografica attendibile di Freisa fu fatta da Giuseppe Nuvolone Pergamo (1787 – 98), conte di Scandaluzza.

Il profilo del DNA ha mostrato che Freisa e Nebbiolo hanno una relazione genitore-progenie e che Freisa potrebbe avere una stretta relazione genetica con Viognier del Nord del Rodano (Schneider, Boccacci e altri 2004).
Inoltre, Freisa potrebbe essere strettamente legata alla Rèze, una vecchia varietà del Vallese in Svizzera (Vouillamoz, Schneider et al., 2007).

Viene coltivato in varie regioni del Piemonte, nell’Italia nord-occidentale, comprese le aree subalpine.
Ad est del Piemonte, ci sono piantagioni sparse di Freisa in provincia di Vicenza nel Veneto. 

Il censimento agricolo italiano del 2000 registra piantagioni totali di 1.453 ettari.

E ‘consentito come componente minore in vari Nebbiolo, Barbera, Grignolino, DOC dominanti e come parte della miscela in un’ampia gamma di DOC Piemonte.
Ha anche diversi DOC con il proprio nome, ad es. Freisa d’Asti e Freisa di Chieri.

Gli esempi varietali sono generalmente piuttosto chiari di colore e inaspettatamente alti nell’acidità e nei tannini, ma sono caratterizzati dalla loro caratteristica fragranza di frutti rossi selvatici, in particolare fragole e lamponi, che, insieme ad una certa amarezza, non è universalmente apprezzata.

Le DOC di Freisa d’Asti e Chieri consentono una permeabilità sconcertante: secca o dolce, ferma, leggermente frizzante, frizzante o frizzante.
Lo stile più tradizionale, leggermente frizzante da una fermentazione secondaria, ha uno zucchero residuo per bilanciare quella dolcezza leggermente amarognola. 

La Freisa è anche ammessa in una componente minore in molte altre DOC, come la Valle d’Aosta, i Colli Tortonesi, la Barbera d’Asti e la Barbera Monferrato Superiore.


Con origini ancora sconosciute, questa varietà versatile rende rossi e dolci i rossi italiani in una vasta gamma di stili e posizioni.

Alcuni autori hanno suggerito che il nome Barbera derivi da Vinum Berberis, una bevanda fermentata medievale a base di crespino con una banda di colore rosso intenso dal sapore acido e astringente, un po ‘come i vini Barbera.

Di solito si ritiene che la Barbera abbia avuto origine nelle colline del Monferrato nel Piemonte centrale.
Tuttavia, per quanto ne sappiamo, il primo riferimento affidabile al nome Barbera avvenne alla fine del diciottesimo secolo, quando il Conte Nuvolone Pergamo (1787-98) menzionò una varietà conosciuta come Barbera vicino ad Asti, nell’Italia nord-occidentale, come Ughetta vicino a Vercelli e nel Canavese, e come Vespolina vicino a Novara.
Il conte menziona anche un Vitis vinifera Montisferratensis che è stato spesso identificato con Barbera, il che è dubbio perché questo nome geografico potrebbe essere applicato a qualsiasi altra uva storica della stessa regione (ad esempio Freisa).

Sin dal XIX secolo, la Barbera è stata spesso descritta come tipica della regione di Asti.
Tuttavia, non è diventato importante in Piemonte nel suo complesso fino a dopo la philloxera.
La mancanza di documenti degni di fiducia per la Barbera in Piemonte prima del 1798 e la recente espansione relativamente recente suggeriscono che la sua origine potrebbe essere altrove.
In effetti un recente studio del DNA ha mostrato inaspettatamente che la Barbera ha poche relazioni con le altre uve del Piemonte, il che suggerisce che la Barbera sia stata probabilmente introdotta nella regione relativamente di recente (Schneider et al., 2003).
Inoltre, la mancanza di registrazioni di Barbera nel resto d’Italia prima del diciottesimo secolo suggerisce che di recente è iniziata la vita attraverso una croce naturale in una vigna da qualche parte, anche se probabilmente non in Piemonte, per le ragioni sopra riportate. Sono necessarie ulteriori ricerche genetiche per scoprire il luogo di nascita di Barbera.

La Barbera è la varietà più tipica e diffusa in Piemonte.
Viene coltivato anche in Lombardia, Emilia-Romagna e in alcuni punti dell’Italia meridionale. 

Il censimento italiano del 2000 mostra una piantagione totale di 28.365 ettari ed è la terza varietà nera più coltivata.

Al loro meglio, i vini Barbera sono vini dai colori intensi, freschi e relativamente morbidi con sapori di frutta ciliegia brillante.

Nel cuore del Piemonte, la Barbera dà il nome a Barbera d’Asti DOCG, Barbera d’Alba DOC, Barbera Monferrato DOC, Barbera Monferrato Superiore DOCG e recentemente Nizza DOCG.

Barbera è stata presa più seriamente negli ultimi 30 anni, ed è realizzata in una vasta gamma di stili, da giovani, semplici, aspri e fruttati, a versioni affinate in legno più costose e spesse che beneficiano dell’invecchiamento.
L’uso di nuove barriques certamente rassoda la struttura e aggiunge sapori extra di corpo e speziati, ma non è universalmente ammirato e tende a cambiare in modo significativo in sapori più tradizionali di ciliegia brillante della varietà. Il frutto dolce e puro dell’uva Barbera è probabilmente più evidente negli esempi meno pesantemente cotti.


Varietà rara a bacca rossa utilizzata per produrre vini dolci e frizzanti in Piemonte.

La prima menzione di una Malvasia a bacca rossa in Piemonte si trova in De Maria e Leardi (1875), ma non è noto se si riferisse a Malvasia Nera Lunga, Malvasia di Schierano o Malvasia di Casorzo.

La recente analisi del DNA ha rivelato una similitudice tra Malvasia di Casorzo e Lambrusca di Alessandria (Torello Marinoni et al., 2006) e suggeriva che la Malvasia di Casorzo potesse essere geneticamente vicina alla Malvasia di Candia Aromatica (Lacombe et al., 2007).

La Malvasia di Casorzo è coltivata in Piemonte, a nord-ovest d’Italia, a Casorzo d’Asti e in parte nei paesi confinanti. 

Il Casorzo, o Malvasia di Casorzo DOC richiede almeno il 90% di questa varietà, che può essere miscelata con Freisa, Grignolino e Barbera, o altre varietà locali. 

I vini rossi o rosé sono generalmente dolci e frizzanti, con poco alcool.

Il 100% Malvasia di Casorzo ha generalmente aromi varietali di cannella, frutta nera e scorza di agrumi.